Il sole è ad oggi la fonte di energia rinnovabile più utilizzata.

Solo in Campania, secondo i dati di Legambiente diffusi a fine 2018, rappresenta il 98,7 % di tutta l’energia pulita ed il suo suo è in continuo incremento. Questo perché, negli anni, la tecnologia legata all’immagazzinamento e consumo dell’energia proveniente dal sole ha fatto passi da gigante e continua a evolversi nell’ottica di fare del sole il primo strumento per la lotta all’inquinamento, per dimezzare le emissioni di CO2, secondo quanto previsto dai trattati europei. Il fotovoltaico è davvero la fonte di energia del futuro: parliamo di una tecnologia che è in grado di trasformare la luce del sole in energia elettrica e che può rappresentare anche una fonte di guadagno. Come? Ebbene, se produci più energia elettrica di quella che consumi, è facile immaginare che puoi, semplicemente, venderla.

Enel è da sempre in prima linea nella ricerca di nuove fonti di energia che possano aiutare l’ambiente.

Con la costituzione nel 2008 di Enel Green Power si è confermata leader in un settore che può rappresentare l’unica alternativa valida alle energie fossili e non rinnovabili a cui siamo abituati. Se parliamo di fotovoltaico, Enel già oggi fornisce tante valide alternative per la tua casa o per la tua azienda: non solo potresti risparmiare sulla tua bolletta con un investimento iniziale, ma potresti arrivare a trarne anche un certo guadagno.
Tutti oggi sanno cos’è il fotovoltaico, quanto possa essere importante il suo incremento, ma pochi hanno idea di come davvero funzioni un pannello fotovoltaico.
Il loro uso e il loro continuo incremento ha permesso al nostro paese di essere tra i primi a puntare l’obiettivo di dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2050.

Questa tecnologia straordinaria ha il potere di immagazzinare e trasformare la luce del sole in energia elettrica.

Ogni singolo pannello, infatti, è costituito dall’unione di più celle fotovoltaiche, che convertono l’energia dei fotoni in elettricità. Il processo che crea questa energia viene chiamato effetto fotovoltaico: la luce del sole stimola gli elettroni presenti nel silicio che costituisce i pannelli, generando energia. Ogni impianto fotovoltaico, in realtà, consta di almeno due elementi di fondo:
i pannelli fotovoltaici, anche detti moduli, che sono composti da celle fotovoltaiche in grado di trasformare la luce del sole in elettricità;
uno o più  inverter, apparecchi che convertono la corrente continua in corrente alternata.
I moderni inverter integrano sistemi elettronici di gestione “intelligente” dell’energia e di ottimizzazione della conversione. A loro volta, gli inverter possono integrare dei sistemi di stoccaggio temporaneo dell’elettricità, in parole povere delle batterie.
L’esigenza di un apparecchio in grado di trasformare la corrente continua in corrente alternata nasce dal fatto che, quando i fotoni della luce del sole colpiscono la superficie della cella fotovoltaica, la sua energia viene trasferita agli elettroni presenti sulla cella in silicio. Questi elettroni vengono eccitati e iniziano a fluire nel circuito producendo corrente elettrica. Un pannello solare produce energia in corrente continua.

Questa corrente, però, per essere usufruibile dai normali sistemi domestici e aziendali, deve essere trasformata in corrente alternata.
Ben pochi sono i limiti di questa tecnologia, ma a onor del vero bisogna citarli. Per prima cosa, bisogna tenere presente dei limiti fisici legati agli impianti fotovoltaici: non tutta la luce che colpisce i pannelli viene trasformata in energia. Questo concetto viene definito come efficienza di conversione, e i migliori moduli in commercio ad oggi attestano la loro efficienza intorno al 20-22%. Sebbene la percentuale può sembrare bassa, è in grado di assicurare comunque un grande guadagno in bolletta nell’arco di un venticinque-trent’anni, durata media di un impianto fotovoltaico. Molta attenzione deve essere rivolta anche alla manutenzione dei pannelli, che vanno fisiologicamente incontro a un minimo calo sulla produzione che si attesta intorno allo 0,5% l’anno: ombra o sporcizia possono inficiare sulla quantità dell’energia prodotta e aumentare questo calo. Enel, però, con Enel X, società del gruppo enel dedicata allo sviluppo smart delle nuove tecnologie in campo energetico, e ti garantisce quattro interventi di manutenzione ordinaria da parte di tecnici specializzati.
In definitiva, un impianto di fotovoltaico conviene davvero?
Se la possibilità di produrre in autonomia la tua energia pulita, vendere quella che non usi e contemporaneamente aiutare il pianeta non ti ha convinto, contattaci. Noi di Voice and Services, che da oltre 10 anni collaboriamo con queste società del gruppo Enel, possiamo illustrarti tutte le opzioni più convenienti e green, studiate a posta per il tuo business o la tua abitazione. Scrivici e un nostro consulente potrà mostrarti tutti i vantaggi riservati per te.